giovedì 9 gennaio 2014

The Blacklist - 1x03 1x04 1x05

La prima stagione di The Blacklist prosegue mantenendo le promesse fatte nei primi due episodi, aggiungendo un po' di carne al fuoco ma non riuscendo del tutto a distinguersi, almeno per il momento, da altre serie del genere.

Ep. 3 - Wujing (Il Traditore)
Nonostante i suoi difetti, dal punto di vista del divertimento è stato l'episodio che ho gradito di più finora. Si stringe ulteriormente il rapporto tra la Keen e Reddington, quest'ultimo ha un ruolo decisamente più attivo di quanto mi aspettassi. Ben scritto, abbastanza coinvolgente, seppur dalle dinamiche non proprio originalissime e a volte risolte in maniera facilona, per esempio la Keen che da profiler in dieci minuti diventa un esperto di sistemi di decrittazione credibile. E' facile sorvolare sui difetti, compreso un villain non proprio carismatico, quando l'intero episodio scorre via in maniera frizzante, con climax e punti di svolta ben distribuiti lungo l'arco della puntata.

Ep. 4 - The stewmaker (Lo squagliatore)
Sicuramente la puntata tecnicamente scritta meglio, nonostante il titolo italiano non si possa proprio sentire. Vengono introdotte alcune rotture rispetto al modo con il quale si sono dipanate le storie fino ad ora, e che per certi versi verranno riprese anche nella 1x05. La struttura del racconto è infatti meno lineare dei precedenti, ed anche per questo assistiamo ad un'interessante crescita di Ressler, anch'essa confermata nell'episodio seguente. Tuttavia il personaggio non ha ancora quello spessore che ci si aspetterebbe, così come in generale tutti i comprimari, in particolare il vicedirettore Cooper ha il carisma di una cavia da laboratorio.

Ep. 5 - The courier (Il corriere)
Al quinto episodio, possiamo certamente dire che il villain più riuscito è stato quello dell'episodio pilota. Nonostante il corriere del titolo sia interpretato da Robert Knepper (indimenticabile T-Bag di Prison Break) e nonostante il suo modus operandi e il suo "bonus fisico" siano del tutto intriganti, il filone investigativo non convince del tutto, ed anzi sembra un pretesto, una sottotrama al servizio del più interessante triangolo Elizabeth-Reddington-Tom. La puntata si chiude con un interessante cliffhanger con protagonisti la Keen e suo marito, a conferma del fatto che, almeno finché non capiremo qualcosa in più sulla natura di Tom (good or evil?) e su cosa lega Red a Elizabeth (legame di sangue?), sarà il rapporto fra i tre a fare da motore alla serie.

Nessun commento:

Posta un commento