giovedì 22 settembre 2011

It's the end of the world as we know it (and I feel fine)

Il tempo passa, le stagioni si susseguono, i gruppi rock si sciolgono.
E' finita la carriera dei R.E.M. (o degli AR. I. EM., fate voi). Il gruppo di Athens, dopo trent'anni passati a calcare i palchi di tutto il mondo (di cui 14 anni senza il batterista originario Bill Berry), ha terminato la carriera con un comunicato sul sito ufficiale della band.

Quando è uscito Out of time avevo 14 anni, e Losing my religion è stato anche per me un inno generazionale. Poi il trittico Automatic for the people, Monster e New adventures in Hi-fi, ognuno con uno stile proprio, impossibile non capire al volo a quale disco apparteneva una canzone.

Poi, la folgorazione defiinitiva: la scoperta degli anni I.R.S., quel suono così vecchio e nuovo allo stesso tempo, le liriche ispirate, il jingle-jangle di Berry nel loro secondo disco, Murmur, che ancora oggi ritengo un capolavoro assoluto.
Uno dei miei gruppi preferiti, poco da dire, nonché uno dei quali posseggo orgogliosamente più dischi.

L'abbandono di Berry è lo spartiacque per il gruppo, il primo album dei soli Stipe, Buck e Mills, Up, è il canto del cigno. Dal 1999 in poi davvero poco di memorabile e molto, molto di già sentito. In effetti il sound dei R.E.M. stava diventando sinonimo di fastidioso, la band lascia con una decina d'anni di ritardo ma davvero l'unico appunto che posso fare è questo trascinarsi stancamente in un'aridità musicale che non rende onore a quanto il quartetto ha saputo fare nel ventennio '80-'90.

Non trovo chiusura migliore che postare il video di Laughing, pezzo misconosciuto che non dimostra affatto i suoi 28 anni e che chiarisce chi siano i veri R.E.M.


4 commenti:

  1. A me piaceva un casino "New Adventures...": c'era quella canzone che iniziava con una specie di sirena...
    Comunque sia, concordo con te: ormai erano anni che non facevano un album allo loro altezza. Spiace sempre, ma, almeno, hanno avuto il buon gusto di non finire come i Rolling Stones (su quella strada ci sono gli U2).
    A proposito: se ti va, ti mando "Superheavy", questo super-gruppo con Jagger e il coso lì, quello degli Eurythmics... :-D
    Non fa così schifo come credevo.
    In gamba, Drugo!

    RispondiElimina
  2. Erano veramente tutte uguali le loro canzoni... però mi mancherà vedere la morte che, ad ogni disco, consuma sempre di più il loro cantante :-D

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie mille anche per il commento di oggi e per il sostegno. Un abbraccio.


    CIAO!!!

    RispondiElimina