mercoledì 23 aprile 2008

Solo un bacio per favore

Gabriel ed Emilie si incontrano per puro caso e si piacciono da subito. Con una serie di scuse banali Gabriel convince Emilie a passare la serata insieme e quando le chiede un bacio, lei lo rifiuta. Per spiegare i motivi del suo “no” Emilie comincia a raccontare la storia dei suoi amici Nicolas e Judith e di quello che ha comportato il loro primo, innocente bacio. Una reazione a catena con conseguenze imprevedibili.

“Solo un bacio per favore”, quarto lungometraggio per Emmanuel Mouret, racconta dunque delle conseguenze che può avere un gesto tutto sommato quotidiano come un bacio. Attraverso la tecnica del racconto, Mouret sovrappone alla storia principale un’altra vicenda, se vogliamo più surreale e dai risvolti buffi, ma che sorregge e porta avanti la prima in un gioco che si risolverà solo alla fine. Il merito della regia di Mouret è certamente quello di rimanere soavemente nascosto, lasciando la libertà ai protagonisti (Virginie Ledoyen, lo stesso Mouret, Julie Gayet, Michael Cohen e il nostro Stefano Accorsi) di fornire una prova egregia, compreso Accorsi che finalmente pare quasi una persona normale, lontano dalle esagerazioni delle interpretazioni nostrane. E’ un film di sceneggiatura e di personaggi, la scrittura è fondamentale e gli attori ne hanno dato eccellente interpretazione, mettendo in scena egregiamente il complicato rapporto tra il desiderio e i sentimenti che ne scaturiscono.
“Solo un bacio per favore” è una prova di vero cinema in pieno stile francese: il delicato confine tra amicizia e amore, il tradimento e la sofferenza sono temi certo triti e ritriti, ma qui sono affrontati in maniera autentica, singolare, senza mai una sbavatura o un’esagerazione, con ritmo e umorismo ma anche riflessività.
In fondo che cosa può rappresentare un semplice bacio? L’ultima scena e il lungo primo piano finale sulla bellissima Julie Gayet possono essere una risposta. Magico.
Esce il 9 maggio.

5 commenti:

  1. sembra interessante. oltretutto ha un cast di tutto rispetto...accorsi a parte...

    RispondiElimina
  2. :)
    No, guarda, come ho detto pare quasi normale in questo film!

    RispondiElimina
  3. Chissà come verrà distribuito.
    Speriamo che il nome di Accorsi serva per averlo in più sale possibili.
    Byez

    RispondiElimina
  4. esce il 9 maggio e tu l'hai già visto?!? ma chi sei, il nostro corrispondente da Parigi? :-)

    RispondiElimina
  5. @steve: lo spero, il film merita sicuramente. Grazie per la visita! ;)

    @caporà: mais oui, je suis le corrispondant parisienne de le drugò! Moi, je recensi le film pur travaille! :D

    RispondiElimina